Entra nel negozio per pagare la spesa alla moglie. Multa di 400 euro

entra-nel-negozio-per-pagare-la-spesa-alla-moglie.-multa-di-400-euro

Le norme anti Covid fanno un’altra “vittima” con una multa che ha dell’incredibile: un uomo è entrato per pagare la spesa alla moglie ed ora deve sborsare 400 euro.

Spesa multa 17_1_21 Leggilo.org
Getty Images/Miguel Medina

Le norme anti Covid a volte si rivelano decisamente troppo severe, specie quando per minuscole violazioni, qualcuno si trova a dover pagare una multa 400 euro da un momento all’altro: è il caso di una coppia di Gavello su cui grava l’ennesima sanzione per violazione delle norme di distanziamento sociale per quella che – con tutta probabilità anche stando alle dichiarazioni dei coniugi – è stata una piccola leggerezza. E’ successo alla Conad presso Area Tosi dove moglie e marito si erano recati per fare la spesa come al solito: “Arrivati all’ingresso, siamo stati fermati da una commessa che ci ha detto che solo uno di noi poteva entrare. Mi sono fatto da parte e ho fatto entrare mia moglie”, racconta l’uomo. Ad un certo punto però, il marito si è accorto di aver scordato nella propria tasca la carta bancomat con cui la moglie doveva pagare la spesa. Ha così deciso di entrare un momento nel supermercato per restituirgliela: “Entro per raggiungere mia moglie e in pochi minuti vedo arrivare una pattuglia della Polizia locale“, continua l’uomo.

Nonostante l’uomo fosse entrato solo per un attimo e per una questione urgente, la Polizia lo ha accusato di aver violato le norme anti Covid ed è subito scattata la multa: “Ci hanno fatto uscire sotto gli sguardi di tutti, come fossimo due delinquenti“, prosegue il suo racconto. A quel punto, è scattato il verbale per la sanzione da 400 euro nonostante le proteste e le giustificazioni della coppia che ha finito per pagare in modo salatissimo una normale spesa. Gli agenti hanno affermato che stavano solo facendo il proprio lavoro e che il loro intervento era stato richiesto tramite segnalazione da qualcuno, presumibilmente dal personale stesso del supermercato. Per peggiorare le cose, la coppia aveva anche un altro problema: stando al racconto dell’uomo, sua moglie aveva bisogno di aiuto con le buste in quanto anziana e sofferente di un tunnel carpale al polso. Inoltre, all’interno del supermercato al momento dell’arrivo della Polizia, c’erano anche altre coppie ma nessuna è stata sanzionata allo stesso modo. La coppia ha protestato con la direzione della Condad, non incontrando però molta empatia: “Ho chiarito che avrebbero potuto invitarmi a uscire richiamandosi alla normativa e sarei uscito senza fare resistenza. Non andrò più in quel supermercato”, conclude l’uomo furente.

Anche la direzione del negozio ha rilasciato la sua versione, sostenendo che la multa per il mancato rispetto delle norme anti Covid era inevitabile: “Se il problema fosse stato consegnare il bancomat, ci saremmo incaricati noi stessi di recapitarlo alla moglie e non sarebbe successo nulla. Inoltre, nel tempo trascorso tra l’ingresso e l’arrivo delle forze dell’ordine, avrebbe fatto in tempo a uscire mille volte”, fa sapere la direzione, aggiungendo che sono state le proteste di altri clienti a spingere la cassiera di turno ad effettuare la segnalazione: la capienza dell’esercizio commerciale è fissata ad un massimo di 75 persone alla volta. La direzione aggiunge che se fossero stati dei clienti a segnalare la violazione, la Polizia avrebbe multato anche il negozio. Di fronte a situazioni estreme come questa, non sorprende che i comuni italiani fatichino a raccogliere l’importo di moltissime multe che non vengono pagate: per molte sanzioni come questa, gli italiani hanno deciso di fare ricorso al prefetto locale.